Cosa ci collega al freddo acciaio del bilanciere? La mano.

Il modo in cui poniamo la nostra mano crea delle differenze incredibili nel momento in cui andiamo a spostare un peso. Prendiamo come esempio gli esercizi di Spinta (Es. Panca Piana, Over Head Press), dove quindi il carico del bilanciere crea una forza di compressione sulla nostra mano:

Dobbiamo cercare sempre di mantenere il carico in una posizione solida e sicura, per fare in modo di spingere sempre con la massima efficienza e sicurezza.

Se mettiamo il bilanciere verso il palmo, dove le dita si collegano con la mano, finiremo ben presto per infortunarci il polso, in quanto la forza di taglio del bilanciere creerà una leva sfavorevolissima per la nostra articolazione.

Dobbiamo invece cercare di mantenere il carico il più vicino possibile al fulcro, per fare in modo che la leva sia il più corta possibile e per fare in modo che la forza di taglio generata dal bilanciere ricada perfettamente perpendicolare all’avambraccio.

COME FARE

Il Bulldog, si il cane, ha una fisiologica rotazione interna della zampa. Ora, non so se il cane si è adattato nel corso dei secoli a mantenere questa posizione per favorire un determinato tipo di movimento, ma di fatto, questa è proprio la posizione che consiglio di assumere ogni qualvolta ci si approccia al bilanciere, opponendosi ad una forza di compressione, tipica di un movimento di spinta.

La presa Bulldog, fa proprio questo e lo fa per fare in modo di rispettare quelle regolette di cui parlavamo prima:

  1. Bilanciere stabile (stabilità)
  2. Bilanciere sul carpo, non sul palmo (sicurezza)

Attenzione però, questo non vuol dire che, utilizzando questo tipo di presa, si dovrà cambiare anche tutto il resto del set-up:

  • I gomiti rimarranno sempre ad una apertura di circa 75°
  • Le scapole rimarranno sempre depresse ed addotte

All’inizio sembrerà una posizione particolarmente ostica da mantenere, instabile, ma è tutto normale d’altronde quante volte in vita nostra abbiamo spinto un oggetto lontano da noi con le mani ruotate verso l’interno? Mai. Con il tempo e la corretta pratica, diventerà una posizione naturale e si inizieranno ad assimilare i veri benefici.


Mitch Ferniani

Ue a tutti Vichinghi e Vichinghe, sono Mitch Ferniani e questa è la mia Road to Valhalla. Non mi considero un Guru di questo mondo, ma mi sento in grado di poter dare una grossa mano a chi come me, ha iniziato da zero, senza nessuna conoscenza, ma anche per chi, dopo anni di allenamenti non riesce a vedere i risultati che vorrebbe. Io voglio esserci per tutte quelle persone che hanno bisogno di un supporto, di un punto di riferimento per raggiungere il proprio obiettivo. Per quelle persone che hanno bisogno di qualcuno che gli indichi la giusta strada da percorrere. La Strada per il Valhalla.

0 commenti