Sapete qual è la prima cosa che tendo a fare quando inizio a lavorare con un cliente? Consiglio si seguire una dieta normo-calorica, per cercare di ristabilizzare il più possibile tutti i “settaggi” (ormoni, metabolismo, ecc…) del suo corpo, che molto probabilmente sono completamente sballati per via dell’alimentazione sbilanciata sostenuta fino a quel momento. Questa essenzialmente è una pausa ancora prima di iniziare la dieta.

Probabilmente ti starai chiedendo: una pausa dalla dieta? Come un “cheat-day” o un “giorno di ricarica“?

No, intendo una settimana (o più) dedicata al mangiare più calorie, con il solo obiettivo di non essere in deficit calorico.

Quando la dieta viene protratta per lunghi periodi di tempo, il nostro corpo si vede arrivare sempre meno calorie e, come sappiamo, si attivano dei meccanismi di sopravvivenza che gli permettono di adattarsi a questa situazione, ottenendo lo spiacevolissimo stato di “plateau”. Come le calorie diventano sempre più in basse, il tasso metabolico scende all’unisono come se volesse dire “oh, ma sei fuori di melone? io qua ci resto se continuiamo così!!”.

Come si capisce che si ha bisogno di una pausa dalla dieta?

Io personalmente lo so per esperienza. Ormai “sollevo cose” e ho provato tanti tipi di diete, ormai da oltre 5 anni. Il sunto della mia esperienza lo riporto in questo articolo.

Protrarre una dieta per lunghi periodi di tempo comportata alcuni dei seguenti sintomi:

  • I Pasti iniziano a lasciarti insoddisfatto anche se prima non avevi problemi a mangiare meno calorie in pasti più piccoli. Questo porta inevitabilmente ad alzarsi da tavola con quel senso di fame che devi considerare come nemico della tua dieta. Andare a letto affamato fa partire meccanismi nella tua testa che ti avvicinano sempre di più al fallimento della dieta;
  • Quando allenarti diventa un problema. Durante una dieta protratta per molto tempo, i livelli di energia tendono inevitabilmente a calare e questo per forza di cose si ripercuote sui tuoi allenamenti. Andare in palestra è qualcosa che mi piace davvero fare, ma quando sono a dieta per molto tempo, ci sono dei giorni in cui “mi devo costringere” ad andare, per via dei bassi livelli energetici presenti nel mio corpo;
  • I livelli di energia semplicemente arrivano ad essere pari a zero e quando ti svegli al mattino, sei ancora stanco come quando sei andato a letto la sera precedente. Capirai che c’è effettivamente qualcosa di sbagliato in questo.

Se questi sintomi ti capitano durante una dieta, dovresti tenere in considerazione che probabilmente il tuo corpo ti sta mandando dei chiari segnali di affaticamento. E la soluzione potrebbe proprio essere un una pausa dalla dieta.

Quando fare la pausa dalla dieta?

Ritengo che sia importante prevenire piuttosto che curare. Per questo è importante evitare di finire nelle situazioni sopracitate, prevenendole e aggirandole con un “diet break” programmato.

Quanto dovrebbe durare una diet break?

  • 7-21 giorni

Quanto spesso si dovrebbe fare un diet break?

  • 25 +% di grasso corporeo – ogni 14-16 settimane
  • 15-25% di grasso corporeo – ogni 8-12 settimane
  • <15% di grasso corporeo – ogni 7-8 settimane

Che cosa fa una pausa dalla dieta al tuo corpo?

Gli ormoni che tenderanno a “calare” durante una fase di deficit calorico, sono principalmente la Leptina e la T3 (triiodotirinina) che possono essere “potenziati” solo introducendo più calorie nel nostro corpo (in particolare carboidrati).

Una giornata di “ricarica” o un “cheat-day” possono sicuramente aiutare, ma quando i tempi della dieta iniziano a protrarsi maggiormente nel tempo, un giorno di “stacco” non è più sufficiente. Soprattutto la T3 richiede più tempo per ristabilizzarsi, per questo una pausa dalla dieta dovrebbe durare di solito dalle 1-3 settimane, a seconda di quanto tempo sei stato a dieta.

Come impostare una pausa dalla dieta

Basta iniziare ad inserire nel nostro corpo dei quantitativi calorici che siano di mantenimento o poco superiori (intorno al 5-10% sopra le calorie di mantenimento).

Ma facendo così ingrasserò!!

No, vai tranquillo. In realtà non è raro vedere una diminuzione del grasso corporeo durante questo periodo.

Gli ormoni vengono potenziati e che possono influenzare positivamente la composizione corporea. Inoltre, una pausa dalla dieta sarà un grande “boost” psicologico che ti permetterà di riprendere ancora più motivato di prima.

Dopo la diet break, l’umore sarà alle stelle, si avrà più energia e sarai pronto ad affrontare di nuovo la “road to perdita di grasso”.

Ma questo rovinerà tutti i miei progressi!!

No, assolutamente no.

Sai qual è la cosa più difficile da fare quando si intraprende una dieta? Sostenerla.

Sai qual è la causa principale che fa abbandonare una dieta? Non avere le capacità PSICOLOGICHE per sostenerla.

A meno che non ci si sta preparando per un evento in particolare, come può essere una gara, una sfilata o uno shooting fotografico, non ha alcun senso ammazzarsi con la dieta imponendosi delle date e degli obiettivi incredibilmente difficili da raggiungere.

Lascia che ti dica una cosa, non funziona in questo modo.

L’obiettivo che dovresti porti durante la fase di deficit calorico dovrebbe riguardare il rendere la tua dieta il più sostenibile possibile, senza buttarti in digiuni improbabili che hanno il solo risultato di proporre al tuo corpo di attivare quella “modalità sopravvivenza” che porta solo a devastare i tuoi livelli ormonali, annichilendo completamente le tue possibilità di dimagrimento.

La perdita di grasso richiede una buona quantità di tempo e non v’è alcuna scorciatoia. Una settimana di “stacco” non intaccherà il tuo processo di dimagrimento.

Le persone hanno paura che allontanandosi per un giorno o una settimana dalla propria dieta farà solo male ai loro progressi, ma indovina un po’? La perdita di grasso richiede molto tempo.

Non si può perdere il grasso in una settimana, proprio come non si può guadagnare un sacco di grasso in una settimana.


Mitch Ferniani

Ue a tutti Vichinghi e Vichinghe, sono Mitch Ferniani e questa è la mia Road to Valhalla. Non mi considero un Guru di questo mondo, ma mi sento in grado di poter dare una grossa mano a chi come me, ha iniziato da zero, senza nessuna conoscenza, ma anche per chi, dopo anni di allenamenti non riesce a vedere i risultati che vorrebbe. Io voglio esserci per tutte quelle persone che hanno bisogno di un supporto, di un punto di riferimento per raggiungere il proprio obiettivo. Per quelle persone che hanno bisogno di qualcuno che gli indichi la giusta strada da percorrere. La Strada per il Valhalla.

0 commenti